LA POSTA DEL COMITATO

Carissimi Cittadini, in questa pagina vogliamo dare spazio alla perplessità, alla richieste, ai chiarimenti di chiunque si rivolga a noi. È un modo per ascoltarvi e per ricevere consigli da voi che siete l’occhio più vigile che possiamo avere sul nostro operato.
Potete scriverci anche all’email

Scriveteci!

65 responses to “LA POSTA DEL COMITATO”

  1. Pierluigi Atti says :

    Il Domenica 13 Aprile 2014 14:03, Ezio Corradi a scritto:

    Subject: Corriere della Sera – domenica 13 aprile 2014

    Dopo la pagina 25 dell’edizione nazionale sul Corriere della Sera del 11
    aprile 2014 oggi il problema degli stoccaggi di metano nella bassa
    bresciana
    è a pagina 3 del Corriere della Sera – inserto Brescia.
    Importante che se ne parli, finalmente di nuovo, anche se diamo atto che il
    Corriere della Sera ne ha parlato con diversi articoli dal 2009 ad oggi.
    MA, proprio per questo ci corre l’obbligo di segnalare alcune imprecisioni
    dovute con ogni probabilità alla
    Delibera n. 1568 del 20 marzo 2014 della Giunta della Regione Lombardia con
    comunicazione dell’Assessore Regionale all’Ambiente Claudia Terzi, cui fa
    riferimento l’articolo e come si elenca più sotto:.
    1) lo stoccaggio di Bordolano NON E’ attivo!
    Infatti sono in corso: a) i lavori propedeutici di costruzione della
    centrale a metano di stoccaggio del metano; b) la perforazione del settimo
    nuovo pozzo, il n 28, presso il sistema pozzi del “Cluster A”; c) devono
    essere realizzate le tubazioni di collegamento dalla nuova centrale al
    sistema pozzi del “Cluster B”.
    2) i metri cubi di metano previsti per lo stoccaggio a Bordolano sono:
    1miliardo200milioni, NON sono 800.000 metricubi!;
    3) NON è ENI che stocca metano ma la società STOGIT s.p.a. con la
    partecipazione alle perforazioni del sistema pozzi del “Cluster A” e del
    “Cluster B” delle società Halliburton e Schlumberger;
    4) La Mappa dell’articolo dichiara 63 kmq per lo stoccaggio di Bordolano,
    quando invece il “Progetto centrale a metano e stoccaggio metano di
    Bordolano – Stogit 2008” (dato confermato nel progetto Stogit 2012)
    dichiara
    un’area di 135 kmq che coinvolge 16 Comuni
    con 55.000 abitanti: Bordolano, Castelvisconti, Azzanello, Casalmorano,
    Soresina, Annicco, Casalbuttano, Paderno Ponchielli, Olmeneta, Robecco
    d’Oglio in Provincia di Cremona, Pontevico, Verolanuova, Verolavecchia,
    Borgo San Giacomo, Quinzano d’Oglio in Provincia di Brescia…
    5) L’area di raggio 10 km dai fondo-pozzi dello stoccaggio di Bordolano
    nella quale è prevista Magnitudo 3.0 dalle attività industriali dello
    stoccaggio stesso, secondo il Provvedimento Direttoriale 18804 dell’8
    agosto
    2014 del Ministero dell’Ambiente, comprende un’area di 19 Comuni (più tre
    rispetto l’area del “Progetto”: Genivolta in Provincia di Cremona,
    Villachiara e San Paolo in Provincia di Brescia).
    6) Anche il Parco Oglio Nord, non citato dall’Assessore Regionale Claudia
    Terzi, è compreso nell’area dello stoccaggio di Bordolano.

    Per quanto riguarda il “Progetto stoccaggio Bagnolo Mella” della società
    Edison, con centrale di stoccaggio a Capriano del Colle (Comune del Parco
    del Monte Netto),
    ricordiamo che il Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia
    ha tempestivamente richiesto la documentazione del
    “Progetto” già il 16 settembre 2010, quando ancora lo stesso “Progetto” era
    appena arrivato in Comune e si trovava ancora imballato negli scatoloni.
    Così come abbiamo chiesto immediatamente incontri con l’Amministrazione
    Comunale per parlare del rischio sismico della zona di Capriano del Colle,
    rischio sismico che non era contemplato nel primo “Progetto” di Edison,
    così
    come non era citata la presenza della città di Brescia nel raggio di 10 km
    dalla centrale di stoccaggio di Capriano del Colle.
    Solo grazie a questa tempestiva azione del Coordinamento dei Comitati
    Ambientalisti Lombardia ed a seguito della raccolta firme, delle assemblee
    cui hanno partecipato esperti sismologi promosse assieme al Comitato
    Civico Salute e Ambiente di Capriano del Colle,
    il Comune di Capriano del Colle ha iniziato a prenderne piena coscienza.
    Le documentate e gratuite “Osservazioni al Progetto Bagnolo Mella
    stoccaggio
    di Edison-2010” fornite dal Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia,
    inviate a Comuni interessati ed al Presidente della Repubblica Giorgio
    Napolitano, sono state tempestivamente protocollate al Comune di Capriano
    del Colle. La denuncia sulla sismicità della zona di Capriano del Colle –
    Monte Netto, ha poi trovato piena conferma nello studio del Prof Michetti
    dell’Università dell’Insubria, cui il Comune si è rivolto come esperto.
    Cittadini e Comitati hanno poi suggerito al Comune di Bagnolo Mella di
    attivare una Commissione di studio per approfondire gli aspetti del
    “Progetto Stoccaggio Bagnolo Mella/Capriano del Colle/Monte Netto di
    Edison/Gaz de France-Suez ” con il risultato che nella Conferenza di
    Servizi
    tenutasi a Milano in Regione Lombardia, i Comuni di Bagnolo Mella, Capriano
    del Colle, Dello e la Provincia di Brescia hanno espresso parere negativo
    fermando così l’iter procedurale.

    Queste precisazioni per dovere di chiarezza e di corretta informazione ai
    cittadini ed ai “distratti viaggiatori” che oggi saltano sul treno diretto
    quando la verità sta per affiorare.

    Oggi siamo in attesa di leggere i risultati della “Commissione Ichese” dopo
    gli articoli apparsi sul Corriere della Sera del 11 aprile e di oggi 13
    aprile 2014 e di conoscere la verità sulla connessione fra attività
    minerarie (estrazioni, stoccaggio di idrocarburi) e sismi provocati in un
    territorio dove è nota la presenza di “sorgenti sismogeniche calde”
    (ITCS002
    e ITCS072) localizzate a 1.000/2.000 metri sotto i nostri piedi, intanto
    che
    i nuovi pozzi di Bordolano sono stati perforati ad una profondità
    tra -1.500metri e -1.900metri…con quali garanzie di sicurezza rispetto
    alla “sorgente sismogenica calda ITCS002” localizzata proprio sopra lo
    stoccaggio di Bordolano a -2.000metri sotto la canna del gas?
    Attendiamo notizie certe, non le solite bugie con le zampette corte…

    Proprio in merito al “Progetto Bordolano stoccaggio -Stogit 2008”, agli
    atti
    ed ai progetti successivi rendiamo noto che siamo in attesa di conoscere
    l’esito per il “Progetto Bordolano stoccaggio” di Stogit del 2008 e del
    2012
    e per il “Provvedimento Direttoriale (Magnitudo 3.0, raggio 10 km) 18804
    del
    08-08-2013 del Ministero dell’Ambiente, di tre ricorsi straordinari al Capo
    dello Stato e del ricorso al TAR di Brescia sul PGT del Comune di
    Bordolano, mentre per i “Progetti centrale pompaggio di Sergnano” e Decreto
    n. 532 del 15 ottobre 2012 (Magnitudo 3.0, raggio 10 km), siamo in attesa
    dell’esito dei ricorsi al TAR di Brescia e del ricorso straordinario al
    Capo
    dello Stato.
    Ringraziamo il Sindaco ed il Vicesindaco del Comune di Verolavecchia che ha
    partecipato al ricorso
    straordinario al Capo dello Stato contro il “Progetto Bordolano stoccaggio
    2008” per il continuo sostegno alle attività di cittadini e comitati
    nell’opera di informazione, difesa dell’ambiente e per la sicurezza dei
    cittadini.
    Ringraziamo la “Pro Loco” di Soresina la partecipazione ai tre ricorsi
    straordinari al Capo dello Stato,
    Ringraziamo il Sindaco Maurizio Brusaferri di Azzanello per la sua
    partecipazione al ricorso straordinario al Capo dello Stato contro il
    “Progetto Bordolano stoccaggio 2008”.
    Ringraziamo l’associazione “Salviamo il Paesaggio” per la sua
    partecipazione
    al ricorso straordinario al Capo dello Stato contro il “Progetto Bordolano
    stoccaggio 2012”
    Ringraziamo l’associazione “Energia di classe” per la sua partecipazione al
    ricorso straordinario al Capo dello Stato contro il “Provvedimento
    Direttoriale 18804 dell’08 agosto 2013”
    Ringraziamo per la loro partecipazione ai ricorsi i cittadini, i
    consiglieri
    comunali e le associazioni di Bordolano, Soresina, Quinzano d’Oglio, San
    Paolo, Casalmorano, Castelvisconti, Borgo San Giacomo, Verolanuova,
    Verolavecchia, l’Associazione “ApertaMenteLab” di Soncino, per il loro
    volontaristico e gratuito impegno l’ing. Giacomo Cangini, l’ing. Massimo
    Cerani autore delle “Osservazioni per il Progetto centrale e stoccaggio
    metano di Bordolano – Stogit 2008”, Don Gabriele Scalmana responsabile
    della
    pastorale
    “Salvaguardia del Creato ” della Diocesi di Brescia, l’agriturismo “La
    Corte
    dei Semplici”
    di Bordolano per aver messo gratuitamente a disposizione del Coordinamento
    Comitati Ambientalisti Lombardia lo spazio per dibattiti ed iniziative
    pubbliche sui temi dell’energia, della salute e dell’ambiente.
    Un ringraziamento ai Comitati di Capriano del Colle, Bagnolo Mella,
    Cornegliano Laudense, Sergnano, a Pietro Dommarco, al PRC di Crema, al
    consigliere provinciale PRC
    Gianpaolo Dusi, ai parlamentari e Consiglieri Regionali del M5Stelle

    Alle prossime notizie, ricordando che i ricorsi non sono gratuiti e sono
    sostenuti con sacrifici economici da cittadini e comitati.

    Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia

    Aiutateci a far conoscere cosa accade sotto i nostri piedi…Comunicato da
    far girare!

  2. BEPPE says :

    Siamo ormai vicini al 1° anniversario della messa in funzione della centrale a BIO-GAS e malgrado questo i dubbi e le domande anzichè affievolirsi si addensano sempre di più. In questo periodo (chiamiamolo di rispettoso silenzio) un dubbio mi pervade : ma era proprio il nostro Sindaco di Capriano del Colle Sig. Lamberti (accompagnato da ex assessori di questa amministrazione) a sedere sul tavolo della vittoria ed a prendere la parola orgoglioso di aver contribuito ad allontanare la minaccia dei mega-magazzini sul territorio di Azzano ???? Già perchè per il territorio di cui è Sindaco mi sembra abbia fatto proprio NULLA per allontanare la minaccia (ora realtà – GRAZIE SIG. SINDACO-) di questa centrale a BIO-GAS. Come da Lei sostenuto dopo cinque (5) partecipazioni alle CONFERENZE DEI SERVIZI non ci aveva ancora capito nulla di questa centrale , e non era forse già questo un buon biglietto da visita per dire NO GRAZIE !!! Alla vista del progetto non Le sembrava che l’impatto ambientale fosse “abbastanza” catastrofico !!! Ma ancora era stato valutato l’impatto sull’eco-sistema ?? O fa tutto da contorno per definire “zona depressa” (ora beninteso). Dopo qualche tempo dall’avviamento della centrale ho letto sul giornale di Brescia che i reflui degli animali (prodotto essenziale e sulla base del quale era stato richiesto e realizzato questo progetto) di questa azienda non erano idonei per questa “lavorazione” …nessuno aveva pensato a fare qualche elementare ma basilare analisi prima !!! si deve arrivare al dunque sempre con il senno di poi !!!! Ma sicuramente con i controlli siamo a posto : sia il comune che gli organi preposti a tali controlli con gente idonea e professionale ad eseguirli sono stati fatti…vero ?? o NO ??? Il comune di chi si avvale per i controlli “ferrei” che il Sindaco aveva ventilato all’incontro “L’AMMINISTRAZIONE INCONTRA LA CITTADINANZA” ??
    L’informazione è come neve al sole : si scioglie prima che diventi realtà. E’ possibile comunque sapere con cosa diavolo sta funzionando se i reflui non sono idonei ?? Se non sono idonei vengono smaltiti come prima ?? Il depuratore (che era l’unica cosa di cui necessitava questa azineda) è stato installato ???
    Ma a proposito di controlli : il territorio da chi è controllato ?? Da questa amministrazione che si è visto piombare il PCB come un fulmine a ciel sereno?? E dire che c’era già un’ordinanza del Sindaco precedente in tal senso ma questa amministrazione che fa dell’informazione la sua “arma” vincente non è in grado di reperire l’informazione base , che è depositata in comune (in casa sua) a disposizione di tutti …ma non forse per il Sindaco Lamberti e la sua giunta. Ma almeno per il il PCB (fermo restando la sua gravità pericolosità) si può stare tranquilli : il problema coinvolge più comuni e forse altri verrano a risolvercelo. Così come la messa in sicurezza del vaso GARZETTA : dopo mesi e mesi i lavori continuano ..salvo qualche pausa (di qualche mese) che forse l’amministrazione comunale non ha notato. Per fotuna il meteo è stato benevolo e non ha voluto che per l’ennesima volta si dovesse dire che la pioggia torrenziale ha allagato le case dei cittadini di Fenili mentre erano in corso i lavori , ecc. , ecc.
    Le discariche abusive che si notano di tanto in tanto sulle sponde del Mella , sulle strade vicinali …. cittadini incivili !!! Già perchè se non vado errato circa un anno fà l’amministrazione comunale aveva individuato l’area idonea per la discarica pubblica finalmente funzionale : abbiate pazienza l’isola che non c’è prima o poi arriverà !!!! Però Signor Sindaco non sarebbe meglio togliere almeno l’amianto da queste discariche ?? Se controlla il territorio lo noterebbe.
    Per quel che c’è sul Monte …….silenzio , prego !!! Tutto sotto controllo. Speriamo bene.
    TERRITORIO SANO – AMBIENTE PULITO = CITTADINI SANI !!!!!!!!!!!
    AUGURI DI BUONE FESTE
    BEPPE

  3. Eugenio says :

    ciao a tutti,
    sto lavorando sui boschi lungo il Mella,
    qui di seguito vi metto la mappa di dove stiamo lavorando:
    https://qgiscloud.com/eufass/06
    è importante che i cittadini di Capriano conoscano e proteggano il bosco – bene comune
    saluti
    Eugenio

  4. sergio says :

    Sig. Giordi, La ringrazio per la sua lettera di risposta perche’ avvalora l’ esattezza della mia tesi cioe’:di un amministrazione che sbaglia puntaualmente, e non e’ la prima volta, la cronologia delle procedure ; e se mi permette, dando priorita’, i fatti lo testimoniano, all’apparire, alla visibilita’ su scala regionale attraverso interviste e articoli giornalistici, anziche’ conoscere la vera entita’ del problema sul nostro territorio.
    Vorrei pero’ ricordare che qli 11 carotaggi di suolo sono un passaggio obbligato,purtroppo fatti in ritardo e non per scelta programmata, ma come atto dovuto nei confronti di tutti coloro che rivendicano chiarezza per il rischio della propria salute, per la tutela della propria impresa agricola, e del proprio paese.
    A riguardo della trasparenza sig . Giordi la ritengo una persona alquanto fortunanta visto che il sottoscritto ha dovuto attendere piu’ di 30 giorni per avere un colloquio ufficiale riguardante problematiche ambientali.
    A questo punto mi viene da pensare che l’amministrazione faccia delle distinzioni tra cittadini di serie a e serie b, tra cittadini comodi e cittadini scomodi,tra coloro che conoscono il territorio e quelli che ne vengono a conoscenza attraverso i loro commenti spot o assemblee che sembra chiariscano ma in realta’ dicono poco!. Svegliarsi un bel giorno e scoprire,dopo un anno e mezzo dall’ insediamento amministrativo un problema”che ci e’ capitato addosso come un macigno”, cosi’ lei si esprime, venendo a conoscenza della criticita’ pcb e’preoccupante perche’ vuol dire che coloro i quali rivestono un ruolo istituzionale a garanzia e a tutela della salute dei cittadini non hanno verificato, appena insediati, tutte le istruttorie riguardanti le criticita’ ambientali depositate dalle precedenti amministrazioni. Essi avrebbero dovuto utilizzarle come piattaforma di partenza per la programmazione di strategie operative atte a verificare, controllare e perche’ no risolvere i problemi.
    Vede sig.Giordi, le parole nella lettera del sig. Presidente Fierro (si vada a leggere le 11 righe finali) svelano qual e’ il vero problema del territorio:l’inadeguatezza,la confusione di questa amministrazione nell’affrontare,in questo momento storico,le criticita’ ambientali.
    Se poi vogliamo divertirci e rilassarci ben vengano le biciclettate, sperando che qualcuno non ci dia del pazzo perche’ con tutto questo cesio e pcb dove vuoi andare a capriano!?

    distinti saluti
    sergio

  5. Giordi says :

    Egregio signor Lussignoli il fatto che a distanza di così poco tempo lei si senta così coinvolto da questo problema non fà altro che confermare la mia ipotesi che parlarne serva pur sempre a qualcosa. Da libero cittadino, credo sia un mio diritto capire e conoscere come realmente siano andate le cose lasciando fuori dal contesto la solita tiritera politica del ” è colpa sua , é colpa degli altri, io non c’ero”. Noi cittadini siamo stanchi di sentire sempre le solite frasi ; quello che la gente vuole è chiarezza ma soprattutto essere libera di interessarsi a tutto ciò che avviene sul proprio teritorio. Inoltre, quello che la legge dovrà fare in materia non è ne di sua ne di mia competenza; ci penserà chi di dovere. piuttosto gradirei che tutto ciò che mi riguarda in quanto cittadino di Capriano del Colle venga afrrontato in modo tale da essere risolto. Non mi interessano gli schieramenti politici e nemmeno difendere uno per accusare l’altro, ma di fronte a una certezza assoluta di responsabilità da parte del signor Sergio, mi è sembrato doveroso puntualizzare alcune cose. Non credo che il sindaco attuale in presenza di un rappresentante delle istituzioni quale il procuratore della Repubblica, abbia potuto dire cose inesatte. Inoltre se gli atti sono pubblici sarà un grande piacere per me chiedere di poterli esaminare. Se poi il problema PCB non sarà, dopo le doverose analisi, così grave sarà un sollievo per tutti! “Meglio un’allarme rientrato che un silenzio di tomba!”
    P.S. Per quanto mi riguarda, ho trovato massima chiarezza, il giorno che mi sono fermato a chiedere spiegazioni sui carotaggi fatti a fenili belasi, sia dagli amministratori presenti, sia dai vigili, sia della Protezione Civile; se poi sarà stata fatta un’ errata informazione, come lei sostiene, si vedrà nel tempo.
    Giordi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: